F.I.L.A.S. Informa Pensionamento 2021

Il 2021 è l’ultimo anno di vigenza per Quota 100; prorogate opzione donna e l’APE sociale con gli sconti contributivi per le donne con figli (APE sociale donna). Rimangono immutati i requisiti per la pensione di vecchiaia e anticipata. Analizziamole nel dettaglio.

1. PENSIONE DI VECCHIAIA
Rimangono immutati i requisiti previsti nel 2020, per cui occorrono 67 anni di età e 20 anni di contribuzione. Così come stabilito infatti dal decreto dello scorso 5 novembre 2019 del Ministero del Lavoro-Ministero Economia il requisito anagrafico rimane immutato anche nel 2021 e nel 2022 non avendo prodotto impatto l’osservazione statistica della speranza di vita.

Per il pensionamento di vecchiaia non si prevede l’applicazione della “finestra” per cui il trattamento previdenziale decorre di regola il primo giorno del mese successivo alla maturazione dei requisiti.

Per i lavoratori impiegati da almeno 7 anni nei 10 precedenti il pensionamento in mansioni gravose, il pensionamento di vecchiaia è accessibile a 66 anni e 7 mesi a condizione che sussistano almeno 30 anni di anzianità contributiva.

2. PENSIONE ANTICIPATA
A prescindere dall’età anagrafica, è possibile il pensionamento anticipato con 42 anni e 10 mesi di contributi per gli uomini e 41 anni e 10 mesi per le donne.

Con riferimento a tale canale di flessibilità in uscita vale però la finestra mobile trimestrale.

La pensione anticipata prevede requisiti differenti per i lavoratori precoci con almeno 12 mesi di attività lavorativa prima dei 19 anni, appartenenti a particolari categorie (disoccupati, invalidi civili, caregiver e lavoratori addetti a mansioni gravose) i quali devono maturare solamente 41 anni di contributi, con una finestra di 3 mesi per la decorrenza.

3. QUOTA 100
Quota 100 termina nel 2021 il proprio iter di sperimentazione per cedere poi il testimone a una soluzione di flessibilità in uscita in fase di elaborazione: per avere diritto al trattamento pensionistico anticipato con questo particolare regime sperimentale, è necessario avere almeno 62 anni e un’anzianità contributiva non inferiore a 38 anni (anche cumulando i periodi assicurativi, non coincidenti, presenti in due o più gestioni dell’INPS, compresa la Gestione separata).

Per la decorrenza sono previste finestre mobili di 3 mesi per il settore privato e di 6 mesi per il settore pubblico.

Per il “dopo” quota 100, tra le ipotesi in discussione, ci sarebbe una possibile quota 102 con una soglia minima di 64 anni di età e 38 anni di contributi e con la introduzione di una possibile penalizzazione percentuale con riferimento agli anni che intercorrono tra l’età di anticipo e l’età canonica di pensionamento di vecchiaia.

4. OPZIONE DONNA
La legge di Bilancio 2021 , estende la possibilità di fruizione di Opzione Donna alle lavoratrici che abbiano maturato determinati requisiti entro il 31 dicembre 2020, in luogo del 31 dicembre 2019 attualmente previsto.

Il diritto è riconosciuto, nei confronti delle lavoratrici che abbiano maturato, entro il 31 dicembre 2020 e indipendentemente dal momento della decorrenza della pensione che dovrà comunque avvenire successivamente a tale data, un’anzianità contributiva pari o superiore a 35 anni ed un’età anagrafica pari o superiore a 58 anni (per le lavoratrici dipendenti) e a 59 anni (per le lavoratrici autonome). In questo caso si applica la finestra mobile pari a 12 mesi dalla data di maturazione dei previsti requisiti per le lavoratrici dipendenti, e 18 mesi per le lavoratrici autonome.

La Manovra finanziaria 2021 posticipa poi al 28 febbraio 2021 la data entro cui il personale a tempo indeterminato delle istituzioni scolastiche e delle Istituzioni di Alta formazione artistica, musicale e coreutica (AFAM) può presentare domanda di cessazione dal servizio con effetti dall’inizio, rispettivamente, dell’anno scolastico o accademico.

5. APE SOCIALE
La Manovra 2021 proroga poi a tutto il 2021 la sperimentazione della cosiddetta APE sociale, consistente in una indennità, corrisposta fino al conseguimento dei requisiti pensionistici, a favore di soggetti che si trovino in particolari condizioni. Può accedervi chi maturi il requisito di età (63 anni) tra il 1° gennaio e il 31 dicembre 2021 e rientri in una delle categorie previste dalla normativa, cioè:

1. i disoccupati che da almeno 3 mesi abbiano esaurito la prestazione per disoccupazione loro spettante;
2. i lavoratori che assistono da almeno 6 mesi il coniuge o un parente di primo grado con disabilità grave;
3. i lavoratori affetti da riduzione della capacità lavorativa almeno pari al 74 per cento;
4. i lavoratori che da almeno 6 degli ultimi 7 anni di lavoro, svolgono in maniera continuativa una delle 15 professioni difficoltose e rischiose elencate dalla normativa.
Agli appartenenti alle prime tre categorie è richiesta un’anzianità contributiva minima di 30 anni, che sale a 36 anni per la quarta.

Per le donne con figli è previsto uno “sconto contributivo” per l’accesso al beneficio, nella misura di 12 mesi per ciascun figlio, per un massimo di 24 mesi (APE sociale donna).

Comunicato F.I.L.A.S.

Da ultime indiscrezioni avute dalla cabina di regia che sta seguendo il percorso di ricollocazione dei dipendenti Cub Na-Ce,è emerso che il progetto con scadenza 18 Gennaio avrà un proseguio di proroga di ulteriori 6 mesi con ulteriore ampliamento di alcuni servizi.
Sono stati individuati ulteriori siti su Salerno, Benevento e Caserta dove occorrerà ulteriore forza lavoro, diversi lavoratori verranno impiegati anche nel monitoraggio dello sversamento abusivo dei rifiuti,problemi per la copertura economica non ci saranno.Questo è ciò che è stato comunicato alla F.I.L.A.S.

Lavoratori rifiuti, sos da Benevento

Benevento.  

Un incontro in Regione per definire la situazione che vivono gli ex lavoratori del consorzio unico di bacino. E’ quanto chiede la Filas (Federazione Italiana Lavoratori Ambiente e Servizi) in una nota invita alla Regione Campania, alla Prefettura di Benevento, al Cub art. NA/CE, al Commissario Liquidatore, al Comune Benevento e ai Sindaci dei Comuni Beneventani.
“Abbiamo avuto modo di leggere una circolare del Soggetto Liquidatore CUB – scrive il gruppo – nel cui contenuto si evidenziano doglianze relative sia alla impossibilità di riscuotere quanto dovuto dai Comuni che le violazioni degli stessi in termini di applicazione di Leggi Regionali che Costituzionali e che, attualmente impediscono di fatto la ricollocazione dei lavoratori in argomento.

Pur registrando favorevolmente le denunce di cui sopra, tra l’altro prontamente rilanciate da S.E. Sig. Prefetto Caserta, la F.I.L.A.S. ha notato che dette determinazioni siano esclusivamente concentrate su personale dipendente CUB in forza a Caserta e Napoli dimenticando che anche gli altri lavoratori CUB delle altre province della Campania hanno pari diritto, pari dignità e pari opportunità.

In special modo la F.I.L.A.S. si riferisce ai lavoratori CUB di Benevento e Provincia che chissà per quale motivo e/o ragione facciano parte di un mondo diverso ma, così non è perché: anche loro sono in attesa di stipendi arretrati; anche loro sono in attesa del versamento contributi previdenziali; anche loro sono in attesa di conoscere se nelle more di una ricollocazione definitiva ci sarà una proroga del progetto in scadenza a fine mese in corso. Per detti motivi si invitano: il Prefetto Benevento, unitamente e/o disgiuntamente al Sindaco Benevento a sollecitare gli organi competenti per attestare non solo la vicinanza a questi lavoratori ma, anche a rafforzare l’impegno atto a risolvere definitivamente la annosa vertenza in atto.
Si invita altresì l’Assessorato Regionale Ambiente a voler convocare la Scrivente O.S. in un tavolo di confronto allargato anche al Soggetto Liquidatore CUB e a tutte le altre Autorità che riterrà opportuno per definire un percorso condiviso che assicuri dignità a questi lavoratori, oltre a verificare l’attuale stato dei lavori ritenuti necessari per al meglio informare tutti i lavoratori interessati”.

Siracusa, ri-aggiudicata a Tekra la gara semestrale: a meno di colpi di scena

Tekra potrà quindi proseguire dall’1 febbraio e nei giorni successivi fino a luglio, nel frattempo il Comune dovrà predisporre un nuovo bando di gara per la durata di 7 anni. A meno che intanto un altro ricorso non blocchi nuovamente l’iter. Ri-aggiudicata a Tekra la gara semestrale per il servizio di igiene urbana. Ieri si è tenuta la seduta pubblica per l’affidamento dell’appalto, oggi si attende soltanto l’aggiudicazione ufficiale e dall’1 febbraio – considerato che il 31 gennaio scadrà l’ordinanza attualmente in vigore – dovrebbero partire i sei mesi previsti dal contratto.

Il Tar di Catania lo scorso 10 dicembre aveva annullato l’aggiudicazione costringendo il Comune a riprendere la procedura di verifica dei requisiti di ammissione di entrambe le società al bando. La commissione – ordinavano i giudici – si sarebbe dovuta nuovamente insediare e procedere alla verifica della sussistenza dei requisiti di affidabilità. In pratica il Tar nel merito aveva bacchettato la commissione di gara per non essere entrata nel merito delle valutazioni nell’aggiudicazione. E la commissione ieri mattina si è riunita e ha valutato. Oggi sarà pubblicato il verbale e il dirigente del settore Ambiente, Gaetano Brex, procederà con aggiudicazione e ordine di servizio. Tekra potrà quindi proseguire dall’1 febbraio e nei giorni successivi fino a luglio, nel frattempo il Comune dovrà predisporre un nuovo bando di gara per la durata di 7 anni. A meno che intanto un altro ricorso non blocchi nuovamente l’iter…