Nomine Consiglio Regionale Campania Filas

A seguito del Consiglio Regionale Campania Filas effettuato in data 21/12/2021 presso l’ Hotel ” I GIGLI ” di Nola, in data odierna, votate dall’ unanimità del Consesso, sono state ufficializzate le seguenti nomine nelle more del Congresso Regionale Campania che si terrà nel Giugno 2024:

Staiano Oreste: Segretario Regionale Organizzativo.
Tescione Francesco: Segretario Provinciale Caserta.
Napolitano Lucia: Segretario Provinciale Napoli.
Femiano Ciro: Segretario Provinciale Salerno.
Zembla Tommaso: Segretario Provinciale Benevento.
Dott. Giuseppe Stolfa: Segretario provinciale Avellino.
Manna Giovanni: Coordinatore Regionale Campania con deleghe specifiche ai comparti Multiservizi e Commercio.

Buon lavoro a tutti all’ insegna del ripristino della dignità e della difesa dei diritti-doveri dei LAVORATORI!

Firmato: Il segretario Generale, Sig. Francesco Napolitano

Filas, “Impianti Srr chiarisca su affidamento servizio rifiuti”: “Tavolo con prefettura”

Gela. “I vertici della società Impianti Srr devono chiarire la loro posizione rispetto all’affidamento del servizio rifiuti”. I rappresentanti sindacali Filas, rifacendosi al contenuto della nota inviata dalla segreteria provinciale Usb, ritengono che non si possa procedere da subito all’avvio del nuovo servizio. Nella nota, infatti, vengono messi in dubbio i presupposti normativi di un eventuale rapporto con la società in house. “Noi crediamo che al momento non ci siano i presupposti affinché il servizio venga affidato alla Impianti Srr – spiegano i rappresentanti Filas Carmelo Giallombardo, Vincenzo Cassarà e Massimo Scaglione – per questo motivo siamo dell’idea che debba essere convocato urgentemente un tavolo che veda partecipi azienda, sindaci e prefettura e che serva a chiarire la posizione della Impianti Srr, in merito all’affidamento”. Se per Gela l’amministrazione comunale sta vagliando soluzioni alternative al servizio in house, con una nuova proroga fino a marzo in favore di Tekra; negli altri Comuni dell’ambito, invece, la “Impianti Srr” dovrebbe avviare l’attività ad inizio anno. Per i sindacalisti della Filas, però, va stoppato tutto, in attesa di chiarimenti.

CONVOCATO IL CONSIGLIO REGIONALE

È CONVOCATO IL CONSIGLIO REGIONALE CAMPANIA PER IL GIORNO MARTEDÌ 21/12/ 2021.
IL CONSIGLIO SI TERRÀ ALL’ HOTEL DEI GIGLI SITO ALLA VIA G. PUCCINI DI NOLA CON INIZIO ORE 9,30 E CON PRANZO AUGURALE ALLE ORE 13.
SI RICORDA AI CONSIGLIERI CONVOCATI CHE NEL RISPETTO DELLE NORMATIVE ANTI-COVID DI MUNIRSI DI DOCUMENTO DI RICONOSCIMENTO E DI GREEN-PASS.

IL NOSTRO SEGRETARIO REGIONALE SICILIA, CARMELO GIALLOMBARDO PUBBLICA L’ ACCORDO RAGGIUNTO IN RAP PALERMO.

Le OO.SS. FIT CISL, UILTRASPORTI, FIADEL e FILAS comunicano che durante l’incontro sindacale è stato sottoscritto un accordo al fine di incentivare le presenze nel periodo natalizio dei lavoratori.

L’accordo è articolato su 2 premi.

Uno sulla presenza del personale operativo dei servizi di Raccolta, Raccolta Differenziata, Spazzamento ed area impianti di bellolampo per l’intero periodo dal giorno 08/12/2021 al giorno 08/01/2022 con 3 soglie di importi lordi non parametrati differenti a seconda delle assenze a qualunque titolo (al netto dei riposi compensativi a seguito del lavoro domenicale).

Zero assenze nel periodo 360 euro.

Fino a 3 assenze 260 euro.

Fino a 5 assenze 200 euro.

Un secondo premio sulla presenza nei giorni festivi del 8, 25, 26 dicembre e 1, 2, 6 gennaio.

Per avere il premio bisognerà garantire obbligatoriamente la presenza nelle 2 domeniche del 26 dicembre e 2 gennaio.

Ai lavoratori che assicureranno la loro presenza in quattro festività verrà corrisposto un importo lordo di euro 250 non parametrati.

Ai lavoratori che assicureranno la presenza in tutte e sei le festività verrà corrisposto un importo lordo di 400 non parametrato.

Questo secondo premio riguarda sempre il personale operativo dei servizi di raccolta, raccolta differenziata, spazzamento, impianti bellolampo.

Al personale a supporto diretto dei servizi operativi, ovvero, lavaggio, officina e carburanti, verrà invece riconosciuto esclusivamente il premio delle presenze festive per un importo di euro 150 se presenti 4 giornate su 6 e di 200 se saranno presenti nelle 6 giornate.

Per quanto riguarda gli orari di lavoro nel periodo festivo si è definito nel seguente modo:

I lavoratori dell’antimeridiano manterranno il normale orario di lavoro.

I lavoratori del pomeridiano, sia partanna, sia brancaccio sia bellolampo avranno orario di lavoro 11-17.

Solo per i lavoratori della sede di partanna il turno pomeridiano sarà anticipato all’antimeridiano per gli obbligati e dalle 11 alle 17 per i volontari.

Per il turno notturno l’orario è sempre uguale tranne per il 24 ed il 31 che si anticipa alle 17 con la possibilità di utilizzare i par solo garantendo la macchina scarica e il reparto completo.

Le OO.SS hanno più volte ribadito la volontà di inserire i lavoratori della guardiania e pulizia nel progetto,l’azienda ha detto di no anticipando che per i lavoratori inidonei inizieranno le sospensioni dal servizio.

Buona giornata.

CASERTA, SIT IN DI PROTESTE DELLA ECOCAR

Caserta – Ancora un sit in di sciopero e di proteste per quel che concerne i lavoratori della EcoCar di Caserta, con alcuni lavoratori che chiedevano di esser ricevuti dal sindaco della città di Caserta Carlo Marino. Sotto un breve video riassuntivo di uno dei rappresentanti sindacali della FILAS per quanto rigurda i recenti accadimenti all’interno della ditta di trasporto e raccolta rifiuti.

CASERTA. Sit-in di protesta della Filas contro la ECOCAR e Carlo Marino. Il sindaco “nasconde la testa sotto la sabbia”

CASERTA – Nel racconto della storia travagliata tra il consorzio Eco Car e il comune di Caserta, Casertace è stata spettatrice interessata.

Spettatrice interessata poiché siamo stati l’unico giornale a raccontarvi cosa è successo in questi anni in maniera continuativa e, soprattutto, approfondendo in ogni articolo il racconto delle follie amministrative dietro d’appalto per la raccolta dei rifiuti a Caserta.

Sicuramente la situazione più incredibile è avvenuta un paio di anni fa, quando un consorzio, Ecocar, diventa una società diversa, senza che nessuno tra minoranza e organi di controllo (inutile parlare dell’amministrazione onestamente) abbia mosso realmente un dito, e si è vista affidare milioni di euro per il servizio di raccolta dei rifiuti, nonostante nessun appalto aggiudicato alla società Ecocar, diversa dal Consorzio vincitore del bando nel 2012, composto con la Ipi e l’Alba Paciello. Poi è arrivata la garetta 6+6 mesi, utile a sanare questo caos, ma che nulla ha cambiato per risolvere le criticità che si porta dietro la questione dei rifiuti in città. Tra le sigle sindacali che hanno deciso di non fermarsi dinanzi a questa vergognosa situazione c’è la FILAS, federazione dei lavoratori che da qualche tempo sta seguendo la questione complessa intorno ai dipendenti Eco Car nel comune di Caserta.

Ed è per questo motivo che la FILAS del segretario generale Francesco Napolitano ha organizzato un sit-in pacifico dinanzi al municipio a partire da martedì 24 agosto 2021, tutti i giorni, ad esclusione dei sabati e delle domeniche.

I motivi di questa protesta sono quelli che coloro che hanno letto Casertace già conoscevano un po’ di tempo. Qualche giorno fa infatti, eravamo tornati sulle assunzioni effettuate dalla società, in barba alla legge regionale che prevede l’obbligo nel settore rifiuti di mettere in servizio i lavoratori ex dipendenti del CUB, piuttosto che i figli di ex dipendenti o nomi calati dall’alto da Palazzo Castropignano. Ma come sapete sono tante le inadempienze. Una fra tutte, il fatto che il comune di Caserta (quindi noi cittadini-contribuenti, mica quelli di Rovigo) paga un canone mensile di oltre un milione di euro per 180 unità lavorative, mentre la Eco Car in servizio ne ha a stento 160. E questo significa che nelle casse del privato ci sono più soldi di quelli che dovrebbe ricevere. La FILAS si lamenta anche del mancato rispetto della legge sulla sicurezza sul lavoro, denunciando il fatto che i dipendenti rischiano la propria salute ogni giorno.

Tendenzialmente Casertace non da grande spazio ha comunicati stampa e simili, ma questa volta ci è sembrato necessario mettervi al corrente di cosa avverrà nei prossimi giorni e soprattutto i motivi che hanno spinto questo sindacato a protestare contro il comune di Caserta e la Eco Car.

La Federazione Italiana lavoratori e ambiente servizi punta il dito anche contro il sindaco di Caserta Carlo Marino che, nella qualità di organo di vigilanza e di controllo, nulla fa dinanzi alle reiterate violazioni delle leggi e del capitolato d’appalto.

Confermiamo alla sigla sindacale che il silenzio di Marino va avanti da anni e non è legato alla campagna elettorale in corso, anche perché il primo cittadino, da novello Masaniello, ha deciso di impostare il suo racconto social sulla battaglia contro il Nord, i poteri forti, i giornali e tra poco potrebbe buttarci dentro anche i capelloni e il grammofono, ereditandoli direttamente dal Robertino di Ricomincio da Tre. Un modo particolare quello di Marino di fare dello storytelling della sua storia politica recente, compiuto come se questi non fosse stato un sindaco capace di soddisfare determinati appetiti privati. In questi anni, infatti, abbiamo potuto parlare di una concentrazione di potere attraverso affidamenti e appalti pubblici attorno alla fascia tricolore. Un fenomeno che si è notato ed è stato a tratti fin troppo manifesto. Marino in questi mesi pre elezioni sta provando a dotarsi di un certo purismo nel modo di descrivere la sua politica, una strategia che forse prova a far dimenticare l’indagine che lo vede coinvolto relativamente proprio all’appalto dei rifiuti: una gara da 116 milioni di euro finita nella rete investigativa della Direzione distrettuale antimafia.

Continua a leggere

CASERTA Raccolta rifiuti, protestano i lavoratori del Cub: la Eco Car non rispetta la legge

CASERTA (r.s.) Protestavano stamattina davanti al Municipio, con tanto di striscioni, per chiedere il rispetto dei loro diritti. I lavoratori del Cub di Caserta aspettano di essere ricollocati nella Eco car, l’azienda che si occupa della raccolta dei rifiuti nel capoluogo. “C’è una legge regionale, la 14/2016 art. 44 che prevede, in caso di vuoti in organico su un cantiere o per pensionamento, o per decesso, che tali vuoti vengano colmati dai lavoratori del Cub. Il Comune di Caserta – ha spiegato il rappresentante della organizzazione sindacale Filas, Francesco Tescione – ha attualmente un vuoto in organico di oltre 25 unità e non sta rispettando questa legge. Noi rivendichiamo il diritto alla ricollocazione”. Già nel mese di giugno, con una diffida indirizzata al sindaco Carlo Marino ed al prefetto di Caserta, la Filas invitava il primo cittadino, quale organo di vigilanza e controllo ,ad intervenire immediatamente nei confronti della Eco Car srl “facendo completare l’assunzione dei lavoratori del Consorzio di Bacino aventi diritto per incrementare l’organico a tutt’oggi sottodimensionato”. Si diffidava, inoltre, la Eco Car a non procedere ad alcuna sostituzione di eventuali dipendenti prossimi al pensionamento o per qualsivoglia altra ragione se non attingendo dagli elenchi Cub poiché, in caso di ulteriore inosservanza e violazione della legge la Filas si sarebbe vista costretta a denunciare il tutto alla procura della Corte dei Conti.

A questo si è aggiunta un’ulteriore questione: la Eco Car ha chiamato già una decina di lavoratori del Cub proponendo loro, però, un contratto che prevede un periodo di prova di 90 giorni; successivamente valuterà se assumere o meno questi dipendenti. Ma è legittima questa clausola? Se queste persone dopo tre mesi non dovessero essere più  assunte si ritroverebbero in mezzo ad una strada (e non certo per lo spazzamento)… Insomma la situazione è davvero incandescente, tanto più che i lavoratori del Cub accusano la Eco Car di usare gli interinali, invece che attingere dall’elenco del Consorzio di bacino. Il sindacato non ritiene più accettabile “l’arroganza e la presunzione dell’Azienda Eco Car s.r.l – scrive la Filas in un comunicato – che imperterrita continua a non immettere in servizio le unità mancanti per il completamento dell’organico storico e per cui, mensilmente riceve il canone pieno pur se gli effettivi al lavoro risultano essere 157 a fronte appunto dei 180; ritenendo inammissibile e inconcepibile che le unità mancanti da attingere esclusivamente ai sensi dell’articolo citato dalle liste Cub e che dovrebbero essere già in servizio dal marzo 2021 ma che a tutt’oggi non sono stati ancora del tutto selezionati; ritenendo non più ammissibile il ritardo e le violazioni reiterati della Eco Car mentre il sindaco e il responsabile del servizio nella qualità di verifica e controllo nonché di vigilanza, non riescono ad “imporre” alla Eco Car il rispetto della più volte richiamata Legge anche se, gli organismi sopra citati hanno a più riprese ribadito che si prefigura un notevole danno erariale per il perpetrarsi di tali inottemperanze”. Per tutto ciò la Filas ha minacciato querela alla procura della Corte dei Conti.